Simone Strocchi

Simone Strocchi ha conseguito la laurea in Economia e Commercio presso l’Università di Pavia. Simone Strocchi dopo aver maturato una significativa esperienza in diversi settori, quali shipping&trading internazionale (bulk carrier), produzione e marketing (gruppo Decathlon) con mansioni di responsabilità crescente, dal 1997 al 1998 è stato responsabile del desk corporate di Banca Commerciale Italiana (BCI SF&A) c/o Société Européenne de Banque Luxembourg, guidando il team specialistico e progettando soluzioni per grandi realtà imprenditoriali ed operatori private equity (spaziando da tematiche di governance, alla impostazione delle strutture di partecipazione spesso connesse con attività di M&A internazionale).

Dal 1999 al 2002 Simone Strocchi è stato condirettore del dipartimento di Ingegneria Finanziaria di Banca Commerciale Italiana (BCI SF&A) Société Européenne de Banque Luxembourg offrendo soluzioni integrate e consulenze di ingegneria finanziaria per un elevato numero di grandi imprese e fondi private equity principalmente attivi sul mercato italiano e sud europeo.

Nel 2003 Simone Strocchi ha ideato e co-fondato il Gruppo Electa, di cui è General Partner, operatore indipendente specializzato nella strutturazione di deal, nella consulenza M&A e nel supporto ad operazioni di private equity. Simone Strocchi coordina e sovrintende il team di specialisti di Electa Financial Engineering S.p.A., ed ha organizzato più di 70 operazioni di buy-out ed exit nell’interesse dei principali Fondi di Private Equity internazionali, focalizzandosi prevalentemente su tematiche di deal structuring, business combination e build up aventi ad oggetto la media impresa europea. Più recentemente, oltre a sviluppare l’attività di advisory specialistico, ha esteso le aree di attività del Gruppo Electa sia ad iniziative focalizzate sulla soluzione di circostanze critiche ricorrenti nel portafoglio di fondi PE Vintage sia alla promozione di sistemi di disintermediazione tra investitori e deal e di riequilibrio dei vettori di interesse tra investitore e gestore.

Nel giugno del 2011, Simone Strocchi è stato co-fondatore e amministratore esecutivo della società Made in Italy 1 S.p.A., la prima SPAC di diritto italiano con strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni sull’AIM Italia. Nel febbraio del 2012 ha avuto efficacia l’operazione rilevate a seguito della quale Made in Italy 1 S.p.A. ha incorporato mediante fusione la società operativa Sesa S.p.A., leader italiano nella distribuzione a valore di IT per le piccole medie imprese oggi quotata sul Mercato Telematico Azionario, organizzato e gestito da Borsa Italiana.

Nel 2014 Simone Strocchi ha fondato IPO Challenger S.p.A., società di investimento considerata l’evoluzione della SPAC in “prebooking company” che ha creato e quotato sull’AIM Italia la società Italian Wine Brands S.p.A. la quale, consolidando Giordano Vini S.p.A. e Provinco Italia S.p.A., è la prima società vinicola italiana contendibile sul listino borsistico.

Simone Strocchi ricopre la carica di Presidente di Aispac (Associazione italiana dei promotori di SPAC e prebooking company), nonché è attivo promotore di iniziative di accelerazione di quotazione e di investimento focalizzate su media impresa eccellente italiana.

Ricopre, altresì, le seguenti cariche: Presidente di Electa Ventures S.r.l.; advisor del fondo IPO Club, fondo chiuso di diritto italiano focalizzato su pre-quotazione di media impresa eccellente; Presidente del Consiglio di Amministrazione di IPO Challenger 1 S.p.A., prima società di investimento sviluppato in partnership con IPO Club e il gruppo Azimut, con il coinvolgimento di investitori qualificati.

Loading...